menu
English Italian
Sabato 28 Marzo 2020
Comuni italiani

AGRIGENTO

Sicilia

  1. Italia
  2. Sicilia
  3. Provincia di Agrigento
  4. Agrigento
Italia-Italy.org
Italia-Italy.org Italia-Italy.org

Comune di Agrigento

Uffici comunali / Municipio:

› Sindaco di Agrigento e amministrazione comunale
› Ufficio anagrafe - Ufficio Tecnico - Catasto IMU TASI
› Giunta comunale - Dati elezioni amministrative

Indirizzo municipio
Piazza Pirandello, 35

Numeri utili
+39 0922 590111
+39 0922 595923

Email PEC: servizio.protocollo@pec.comune.agrigento.it
Sito istituzionale - http://www.comune.agrigento.it

Italia-Italy.org

Dati e informazioni utili


Numero Abitanti : 59.605 (01-01-2017 - Istat )
Altitudine s.l.m. : 230 mt.
Superfice Kmq. : 245,32
Denominazione abitanti : agrigentini
Partita IVA : 00074260845
CAP Codice Postale : 92100
Codice Istat : 084001
Codice Catastale : A089
• Classificazione sismica aggiornata a marzo 2015. (Fonte: Protezione Civile)
• “Zone climatiche” e “gradi giorno” da: Tabella A allegata al D.P.R. 412/93 aggiornata al 31 ottobre 2009. (Fonte: Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico)

Italia-Italy.org
Zona Sismica
2
Zona climatica
B
Gradi giorno
729
Italia-Italy.org
(Fonte: World Health Organization)

• CHE COS'È UN CORONAVIRUS?
I Coronavirus sono una grande famiglia di virus in grado di causare malattie negli animali e nell'uomo. Nell'uomo, diversi Coronavirus sono noti per causare infezioni respiratorie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome Respiratoria del Medio Oriente (MERS) e la Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS). Il coronavirus scoperto più di recente causa la malattia da Coronavirus COVID-19. Questo nuovo virus e malattia erano sconosciuti prima dell'inizio dell'epidemia a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019.
• QUALI SONO I SINTOMI DI COVID-19?
I sintomi più comuni di COVID-19 sono febbre, stanchezza e tosse secca. Alcuni pazienti possono presentare dolori, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea. Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente. Alcune persone si infettano ma non sviluppano alcun sintomo e non si sentono male. La maggior parte delle persone (circa l'80%) guarisce dalla malattia senza bisogno di cure speciali. Circa 1 su 6 persone che si ammalano di COVID-19 si ammala gravemente e sviluppa difficoltà respiratorie. Le persone anziane e quelle con problemi medici come ipertensione, problemi cardiaci o diabete, hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi. Le persone con febbre, tosse e difficoltà respiratorie devono consultare un medico.
• COME SI DIFFONDE COVID-19?
La malattia può diffondersi da persona a persona attraverso piccole goccioline emesse dal naso o dalla bocca quando una persona con COVID-19 tossisce o espira. Queste goccioline atterrano su oggetti e superfici intorno alla persona. Si può restare contagiati toccando questi oggetti o superfici, quindi toccando i propri occhi, naso o bocca, o respirandole quando la persona con COVID-19 tossisce o espira. Ecco perché è importante mantenere più di 1 metro di distanza da altre persone. L'OMS sta valutando le modalità di diffusione di COVID-19 e continuerà a condividere i risultati aggiornati.
• COSA POSSO FARE PER PROTEGGERMI E PREVENIRE LA DIFFUSIONE DELLA MALATTIA?
Tieni presente le ultime informazioni sull'epidemia COVID-19, disponibili sul sito Web dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e attraverso la tua autorità sanitaria pubblica nazionale e locale. Le autorità in Cina e in altri paesi sono riuscite a rallentare o fermare i loro focolai. Tuttavia, la situazione è imprevedibile, quindi controlla regolarmente le ultime notizie. Puoi ridurre le possibilità di essere contagiato o diffondere COVID-19 prendendo alcune semplici precauzioni:
- Resta a casa! Se per necessità devi uscire, mantieni una distanza di almeno 1 metro da altre persone e chiunque tossisca o starnutisca.
- Pulisci regolarmente e accuratamente le mani con gel a base alcolica o lavale con acqua e sapone.
- Evita di toccare occhi, naso e bocca perchè le mani toccano molte superfici e possono raccogliere virus. Una volta contaminate, le mani possono trasferire il virus nel tuo corpo e farti ammalare.
- Assicurati che tu e le persone intorno a te seguiate una buona igiene respiratoria. Questo significa coprire la bocca e il naso con il gomito o il tessuto piegato quando si tossisce o starnutisce. Quindi smaltire immediatamente il tessuto usato.
- Resta a casa se non ti senti bene. In caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, consultare subito un medico.
- Tieniti aggiornato sugli ultimi hotspot COVID-19 (città o aree locali in cui COVID-19 si sta diffondendo ampiamente). Se possibile, evita di recarti in quei luoghi, soprattutto se sei una persona anziana o hai il diabete, malattie cardiache o polmonari.

Italia-Italy.orgITALIA - Ministero della Salute
ITALIA - Protezione Civile
Organizzazione Mondiale della Sanità (World Health Organization)
Italia-Italy.org

AGRIGENTO / Giurgenti

Guida turistica Sicilia



Agrigento (Sicilia) è un Comune litoraneo di 59.605 abitanti, situato a 230 metri s.l.m. nella nell'omonima provincia, il suo territorio si estende su una superfice di 245,32 kmq.

Fondata intorno al 580 a. C. , Agrigento vanta un territorio in cui si insediarono i vari popoli che lasciarono traccia nell'isola.
Fu sede di popoli indigeni che mantenevano rapporti commerciali con egei e micenei, il territorio agrigentino vide sorgere la polis di Akragas), fondata da geloi di origine rodio-cretese.
Nella sua storia millenaria la città ha avuto ben quattro nomi: “Akragas” per i Greci “Agrigentum” per i Romani, “Kerkent o Gergent” per gli Arabi; per i Normanni era “Girgenti”, nome ufficiale della città fino al 1929, in cui venne utilizzata un'italianizzazione del nome che aveva la città durante il dominio romano.
Raggiunse il massimo splendore nel V secolo a.C., prima del declino avviato dal dominio cartaginese.

La Città
Agrigento è un comune italiano, capoluogo della provincia di Agrigento in Sicilia.
È nota come Città dei templi per la sua distesa di templi dorici dell'antica città greca che sorgono nella cosiddetta “Valle dei Templi”, inserita, nel 1997, tra i “patrimoni dell'umanità all'UNESCO”.
Nel 210 a.C. venne saccheggiata dai Romani e assoggettata all'Impero ma conobbe nei secoli successivi, l'invasione e la riedificazione da parte degli Arabi che la ricostruirono sulla cima della collina in cui oggi si ammira il centro storico caratterizzato appunto dalla tipica conformazione araba, con le sue piccole viuzze e cortili che convergono verso la “Via Atenea”, che è da considerare anche oggi la più importante arteria della città.

Il centro storico di Agrigento conserva ancora oggi vari edifici medioevali (chiese, monasteri, conventi e palazzi nobiliari).
Nel centro storico sono custodite significative testimonianze dell'arte arabo-normanna, tra cui in particolare la cattedrale di San Gerlando, il Palazzo Steri sede del seminario, il palazzo vescovile, la Basilica di Santa Maria dei Greci, il complesso monumentale di Santo Spirito, e le porte delle cinta muraria.

La “via Atenea” da “Porta di Ponte”, attraversa interamente il centro storico e su di essa si affacciano bellissimi palazzi e numerose chiese frutto di stili di costruzione a volte totalmente diversi tra loro che contengono all'interno dei veri e propri tesori di arte sacra molto spesso sconosciuti al grande pubblico.

Tra questi, all'interno delle chiese, si possono visionare numerose opere del Serpotta e del Gagini.
Caratteristiche e pregevoli le chiese “dell'Addolorata” e “di San Francesco di Paola”, ubicate nel popolare quartiere Rabato, di San Giuseppe, San Domenico, dell'Itria o Sant'Alfonso, dell'Immacolata e di Santa Maria dei Greci costruita sui resti di un tempio greco.
Oggi Agrigento si estende su una superficie di 245 Kmq a 230 metri dal livello del mare e conta circa 60.000 abitanti.

Nella letteratura, l'agrigentino più famoso è Luigi Pirandello; tra gli altri agrigentini o per meglio dire akragantini famosi, cioè vissuti nella dorica Akragas, indubbiamente non resta che citare il filosofo Empedocle o l'atleta, vincitore di una famosa Olimpiade, Esseneto, al quale è anche dedicato lo stadio.
Della contemporaneità ricordiamo Leonardo Sciascia (di Racalmuto, a Nord di Agrigento) e Andrea Camilleri il quale fa di Vigata (Porto Empedocle, paese in provincia di Agrigento) e Montelusa (Agrigento) il teatro delle gesta del commissario Montalbano.

Notevole è l'attività culturale svolta sia dalle istituzioni pubbliche che private.
Mostre, convegni, stagioni teatrali e musicali al teatro Luigi Pirandello con le migliori compagnie del mondo, attività concertistica al Museo San Nicola, l'Accademia di studi Mediterranei, il Convegno di studi pirandelliani, il Premio Empedocle, il Pirandello Stable festival, i concerti estivi nel teatro di Piano San Gregorio ai piedi dei mitici templi greci e molte altre iniziative.
Nell'ultima settimana di settembre ha luogo l'Efebo d'oro, premio internazionale, organizzato dal Centro di Ricerca per la Narrativa ed il Cinema che premia il miglior film dell'anno tratto da un'opera letteraria.
Il premio ha, anche, una sezione televisiva.

Beni archeologici
Il sito archeologico più importante è la “Valle dei Templi”, risalente al periodo ellenico, con i resti di dieci templi in ordine dorico, tre santuari, una grande concentrazione di necropoli (Montelusa; Mosè; Pezzino; necropoli romana e tomba di Terone; Paleocristiana; Acrosoli), varie opere idrauliche (giardino della Kolymbetra e gli Ipogei), fortificazioni, parte di un quartiere ellenistico romano costruito su pianta greca e due importanti luoghi di riunione: l'Agorà inferiore (non lontano dai resti del tempio di Zeus olimpio) e l'Agorà superiore (che si trova all'interno del complesso museale); vi sono anche un Olympeion e un Bouleuterion (sala del consiglio) di epoca romana su pianta greca.
Il Parco archeologico della Valle dei templi è il complesso archeologico più vasto al mondo (c.a. 1300 ha).
Il tempio di Zeus Olimpio era il più grande tempio della Magna Grecia.

Altro sito archeologico importante è la Rupe Atenea, il punto più alto dell'antica città di Akragas, dove sono stati rinvenuti resti di un frantoio ellenistico, e sulle sue pendici sud-ovest è conservato uno dei numerosi templi delle divinità ctonie, incorporato nella chiesetta medievale di San Biagio.

Il sito dove poi sorse la città di Akragas, potrebbe essere stato il luogo dove sorgeva la città di Kamikos, prima e più potente città sicana guidata dal leggendario Kokalos, il re che ospitò Dedalo dopo la sua fuga dal labirinto di Minosse a Creta.
La leggenda afferma che Minosse, rintracciato Dedalo alla corte di Kokalos, partì per la Sicania per farsi consegnare il geniale architetto e ucciderlo, venendo ucciso dalle figlie del re sicano dopo essere stato attirato con un tranello.


Il testo in italiano è tratto da:
- Wikipedia (Creative Commons)
- Guida di Agrigento


Photo by: jschoenhofer


Italia-Italy.org
Mappa Agrigento

Localizzazione / Mappa / GPS

Coordinate geografiche di Agrigento
37°18'40.68" N - 13°34'37.09" E

Italia-Italy.org
Aggiorna descrizione AgrigentoAggiorna descrizione Agrigento

Vuoi contribuire al completamento di questa pagina?
Inviaci una tua descrizione della città di Agrigento, dei suoi monumenti, delle sue chiese, i tuoi commenti di viaggio o le tue fotografie.

Italia-Italy.org

strutture ricettive, dove dormire a Agrigento

dove mangiare

relax e benessere

strutture turistiche


Italia-Italy.org
info Sicilia
Booking.comItalia-Italy.org

Dove dormire …

Seleziona la struttura di tuo interesse a Agrigento (Sicilia) o nei suoi dintorni, visualizza le offerte e le informazioni più complete per effettuare la tua prenotazione on line.

Italia-Italy.org

frazioni e località del Comune di Agrigento

Fiumenaro
Fontanelle
Giardina Gallotti
Montaperto
San Leone
San Michele
Villaggio Mosè
Villaggio Peruzzo
Villaseta
Italia-Italy.org

Agrigento fa parte di:

Associazione delle Città d'Arte e Cultura

Italia-Italy.org

Come arrivare e muoversi

Porti / Aeroporti / Stazioni / Autostrade

Stazione di Agrigento Centrale


Aeroporto di Comiso

97,7 Km.



Porto di Palermo

92,6 Km.



(Le distanze sono da intendersi "in linea d'aria".)Italia-Italy.org

Giro turistico nei dintorni

Cosa fare / Cosa vedere vicino Agrigento
Info comuni limitrofi

Italia-Italy.org

Comuni vicino Agrigento

In grassetto sono riportati i comuni confinanti.
Le distanze sono da intendersi "in linea d'aria".
Porto Empedocle

5,0 km

Favara

6,5 km

Joppolo Giancaxio

8,4 km

Realmonte

10,1 km

Raffadali

10,6 km

Aragona

11,1 km

Comitini

11,8 km

Santa Elisabetta

13,8 km

Siculiana

14,4 km

Grotte

14,9 km

Racalmuto

17,0 km

Castrofilippo

17,3 km

Sant'Angelo Muxaro

17,7 km

Naro

18,3 km

Camastra

19,5 km

Cattolica Eraclea

20,7 km

Montallegro

21,6 km

Palma di Montechiaro

22,0 km

Milena

22,1 km

San Biagio Platani

23,2 km

Campofranco

24,3 km

Canicattì

24,5 km

Bompensiere

25,1 km

Casteltermini

25,5 km

Cianciana

26,1 km

Montedoro

26,2 km

Sutera

26,7 km

Alessandria della Rocca

30,7 km

Campobello di Licata

30,8 km

Acquaviva Platani

31,0 km

Italia-Italy.org
Menu Agrigento

COMUNE DI AGRIGENTO
Consulta il menu contestuale del Comune, troverai altre informazioni e argomenti